Vai al contenuto

  • Connettiti con Facebook Log In with Google      Connettiti   
  • Registrati

Close Open
Close Open
Foto
- - - - -

Come organizzare una proiezione in dissolvenza

(Approfondisci)

148 risposte a questa discussione

#1 SEVENTH SON

SEVENTH SON

    CCI Premium Advanced Member 4

  • Friuli-Venezia-Giulia
  • 4975 messaggi
  • Time Online: 11d 23h 38m 33s

Inviato 21 maggio 2012 - 15:44

Ciao Paolo siamo tutti curiosi di sapere come ti organizzi nelle tue dia-dissolvenze , abbiamo sempre letto nelle tue rispsote in varie occasioni questa tua passione per le dia e la conseguente proiezione in dissolvenza , appena puoi potresti descrivere com'è il dietro le quinte delle tue proiezioni.......trucchi segreti e quant'altro per una buona dia-visione.......durante le tue sessioni utilizzi anche un sottofondo musicale............come dividi le die per ottenere un racconto fluido e funzionale..........che proiettori e attrezzature vengono impiegate..........

Attendiamo tutti questo tuo tutorial sulla dia-proiezione saluti.gif



mc digital

#2 paolo1960

paolo1960

    CCI Premium Advanced Member 7

  • Molise
  • 21212 messaggi
  • Time Online: 22d 7h 6m 33s

Inviato 22 maggio 2012 - 20:56

CITAZIONE (SEVENTH SON @ May 21 2012, 04:44 PM) <{POST_SNAPBACK}>
Ciao Paolo siamo tutti curiosi di sapere come ti organizzi nelle tue dia-dissolvenze , abbiamo sempre letto nelle tue rispsote in varie occasioni questa tua passione per le dia e la conseguente proiezione in dissolvenza , appena puoi potresti descrivere com'è il dietro le quinte delle tue proiezioni.......trucchi segreti e quant'altro per una buona dia-visione.......durante le tue sessioni utilizzi anche un sottofondo musicale............come dividi le die per ottenere un racconto fluido e funzionale..........che proiettori e attrezzature vengono impiegate..........

Attendiamo tutti questo tuo tutorial sulla dia-proiezione saluti.gif




Ciao Edi,
innanzitutto scusami per il ritardo, purtroppo ho letto solo ora il tuo thread.

Per prima cosa bisogna premettere che la tecnica della dissolvenza incrociata nasce da una esigenza pratica, cioè l'eliminazione della fastidiosa pausa buia fra una diapositiva e l'altra.
In linea di principio questa potrebbe sembrare una esigenza superflua, in realtà è una esigenza reale perchè questa pausa buia può durare un tempo anche piuttosto lungo essendo compreso generalmente fra 1,2 e 1,5 secondi, dipende essenzialmente dalla qualità del proiettore e dall'efficienza del suo sistema di trascinamento.
Esistono ovviamente alcune lodevoli eccezioni, per esempio i grossi proiettori professionali Leica a caricatore lineare, per intenderci i vari P 2000/2002/2005, impiegano un tempo ridotto a solo un secondo mentre invece i Kodak Ektapro riducono questa pausa a soli 0,88 secondi ... un valore, ti assicuro, davvero notevolmente breve.
Il problema nasce dal fatto che se, per esempio, si proietta una diapositiva alquanto scura, e quindi caratterizzata da ampie zone in ombra, la pupilla tende a dilatarsi per favorire la visione, se poi la pausa cambio dia dura 1,5 secondi è facile immaginare come l'occhio si abitui all'oscurità e quindi ti è facile immaginare la fastidiosissima sensazione di abbagliamento che inevitabilmente si prova nel momento in cui la diapositiva successiva dovesse essere, al contrario, molto luminosa, allo stesso modo in cui all'opposto si proverà una sensazione di momentanea cecità allorquando si dovesse fare il passaggio inverso, cioè da una dia estremamente luminosa a una molto scura.
La dissolvenza a questo punto viene in soccorso perchè consente di fondere fra loro, per il tempo predisposto alla dissolvenza stessa, le due immagini e quindi gli occhi avranno la possibilità di abituarsi gradatamente al cambio di luminosità e quindi la qualità della visione stessa, e con essa la fruibilità generale della singola fotografia, ne risulterà notevolmente migliorata.

La condizione essenziale per poter ottenere una dissolvenza incrociata è la disponibilità di due proiettori, in linea di principio esiste anche la possibilità di ottenere il tutto per il tramite di un unico proiettore, si tratta dei vari modelli Rollei TWIN che adottano due camere di proiezione, con due distinti obiettivi, il tutto inserito in un uico proiettore dotato anche di un unico caricatore, ma il problema è che si tratta di un sistema estremamente complesso, quindi anche molto fragile e delicato e, come si può facilmente immaginare, non molto affidabile.
Di gran lunga meglio quindi affidarsi a due proiettori distinti e separati i quali però dovranno essere collegati fra loro da una centralina elettronica (specificamente dedicata allo scopo) che renderà possibile il tutto oppure, meglio ancora, basta disporre di una coppia di proiettori dei quali uno, il cosidetto "master", incorpora una centralina di dissolvenza con la quale comanderà (per il tramite di uno specifico cavo di collegamento) il secondo proiettore, denominato "slave", e che quindi renderà superflua la presenza della centralina esterna semplificando notevolmente la realizzazione del tutto.

Chiaramente si può adoperare un sottofondo musicale, che andrebbe sincronizzato con la proiezione stessa, ma a questo punto si renderebbe necessario anche un computer che consenta, appunto, di sincronizzare il tutto ... a conti fatti non ne vale la pena e basta sostanzialmente avere un impianto stereo, nemmeno tanto sofisticato, che consentirà di fruire di un sottofondo musicale che anche se non specificamente adattato servirà comunque allo scopo.
Io però generalmente preferisco fare a meno del sottofondo musicale, perchè potrebbe distrarre l'attenzione dalla proiezione stessa, infatti spesso il sottofondo altro non è che un escamotage con il quale catturare l'attenzione del pubblico distraendola dalla visione, e consentendo quindi di "nascondere" delle eventuali pecche presenti nelle singole immagini.
Io personalmente preferisco cercare di "catturare" l'attenzione degli osservatori per il tramite di ogni singola immagine proiettata, che infatti faccio durare in proiezione per almeno una ventina di secondi ognuna, appunto per consentire a tutti di osservarle al meglio e quindi anche di giudicarle non solo per quello che singolarmente valgono, ma soprattutto per il come si fonderanno l'una con l'altra durante ogni dissolvenza.

Per il resto c'è poco da aggiungere, io non proietto mai fotografie di un unico argomento, come generalmente si usa fare, ma cerco piuttosto di fondere insieme soggetti anche molto diversi fra loro usando, come "trait d'union", elementi diversi che però avranno in comune per esempio due inquadrature complementari, oppure due illuminazioni opposte ma che si richiamino fra loro durante il passaggio in dissolvenza, o anche due composizioni simili ma di soggetti diversi, o posso adoperare delle contiguità cromatiche oppure di chiaro/scuri che si alternano fra loro, insomma cerco di tenere alta l'attenzione sia con la qualità delle singole immagini sia, soprattutto, sul come riescono a fondersi fra loro immagini a volte anche molto diverse all'unico fine di ottenere, nei limiti delle mie modeste capacità chiaramente, un risultato che possa comunque soddisfare gli astanti.

Per quella che invece è la parte più squisitamente tecnica dispongo di tre proiettori Kodak Ektapro, un 9020, un 9010 e un 5020, e all'occorrenza posso sempre adoperare anche un quarto proiettore, l'Ektapro 5000 di mio fratello.
Dal punto di vista delle ottiche invece ho due Leica SuperColorplan 90/2.5; un Leica Elmarit PRO 150/2.8 ... al quale presto se ne aggiungeranno altri due; un Kodak 100-200/3.5; due Kodak Ektapro Select 87-200/3.5 e ovviamente dispongo anche di due cavi per dissolvenze.

E questo è tutto amico mio, per il resto nient'altro ... a parte un minimo di fantasia ovviamente.

Ciao, Paolo.

Messaggio modificato da paolo1960, 22 maggio 2012 - 21:02


#3 Gianluca.

Gianluca.

    CCI Premium Advanced Member 4

  • Validating
  • 4545 messaggi
  • Time Online: 4h 49m 48s

Inviato 22 maggio 2012 - 21:37

Ecco qui uno dei frequentatori del forum che ha goduto dell'esperienza offerta da Paolo e la sua combriccola di fotoamatori di Termoli... in realtà gli altri hanno sempre e solo partecipato come il sottoscritto ad ammirare il lavoro splendido del nostro!
Che dirti Seventh, è una fantastica, veramente fantastica esperienza.
Vedere una stampa anche su enorme formato oppure una dia proiettata su uno spazio di circa 1.5 * 1.5 metri o poco meno, Paolo mi correggerà, è un pò la differenza che c'è tra vedere un film in un ottimo schermo televisivo o andarsene al cinema.
Paolo ha parlato di tempi di attesa tra una dia e un'altra e di come con la dissolvenza lo si eviti, ha anche accennato all'effetto, a volte anche più intrigante della fotografia in se, che una dissolveza costituita da due dia scelte con attenzione è in grado di restituire.
E' proprio questo l'aspetto a parer mio che rende vincente la dissolvenza. Paolo nelle sue scelte in alcuni momenti fa si che nella transizione tra due fotografie le luci forme colori e geometrie si rincorrano e il tramutarsi dell'immagine proiettata tra il primo e il secondo scatto è veramente esaltante.
Musica di sottofondo? Da ex musicista non posso dirti di no, ma nelle due visioni che ho avuto non ne ho per nulla avvertito la mancanza... certo è che quanto stavo guardando era così stupefacente da colmare completamente la mia attenzione, non c'era spazio per altro.
Sicuramente è una soluzione scomoda, c'è bisogno di tanto spazio, tanta attrezzatura, tanto tempo per organizzare ma se questi non son problemi per te una visione di diapositive in dissolvenza è veramente una esperienza da fare e da ripetere appena possibile smile.gif

PS Paolo forse non ha colto, ma vuol dire che appena ripasso dalle sue parti mi troverà di nuovo a bussare alla sua tabaccheria sure.gif

#4 SEVENTH SON

SEVENTH SON

    CCI Premium Advanced Member 4

  • Friuli-Venezia-Giulia
  • 4975 messaggi
  • Time Online: 11d 23h 38m 33s

Inviato 23 maggio 2012 - 01:37

GRAZIE PAOLO ! ! ! clap.gif clap.gif

come sempre preciso e sempre disponibile az.gif


e un grazie a Gianluca per la testimonianza live di tale evento

visto l'orario ci aggiorniamo tra qualche ora biggrin.gif

saluti.gif



#5 paolo1960

paolo1960

    CCI Premium Advanced Member 7

  • Molise
  • 21212 messaggi
  • Time Online: 22d 7h 6m 33s

Inviato 23 maggio 2012 - 12:55

CITAZIONE (Gianluca. @ May 22 2012, 10:37 PM) <{POST_SNAPBACK}>
Ecco qui uno dei frequentatori del forum che ha goduto dell'esperienza offerta da Paolo e la sua combriccola di fotoamatori di Termoli... in realtà gli altri hanno sempre e solo partecipato come il sottoscritto ad ammirare il lavoro splendido del nostro!
Che dirti Seventh, è una fantastica, veramente fantastica esperienza.
Vedere una stampa anche su enorme formato oppure una dia proiettata su uno spazio di circa 1.5 per 1.5 metri o poco meno, Paolo mi correggerà, è un pò la differenza che c'è tra vedere un film in un ottimo schermo televisivo o andarsene al cinema.
Paolo ha parlato di tempi di attesa tra una dia e un'altra e di come con la dissolvenza lo si eviti, ha anche accennato all'effetto, a volte anche più intrigante della fotografia in se, che una dissolveza costituita da due dia scelte con attenzione è in grado di restituire.
E' proprio questo l'aspetto a parer mio che rende vincente la dissolvenza. Paolo nelle sue scelte in alcuni momenti fa si che nella transizione tra due fotografie le luci forme colori e geometrie si rincorrano e il tramutarsi dell'immagine proiettata tra il primo e il secondo scatto è veramente esaltante.
Musica di sottofondo? Da ex musicista non posso dirti di no, ma nelle due visioni che ho avuto non ne ho per nulla avvertito la mancanza... certo è che quanto stavo guardando era così stupefacente da colmare completamente la mia attenzione, non c'era spazio per altro.
Sicuramente è una soluzione scomoda, c'è bisogno di tanto spazio, tanta attrezzatura, tanto tempo per organizzare ma se questi non son problemi per te una visione di diapositive in dissolvenza è veramente una esperienza da fare e da ripetere appena possibile smile.gif

PS Paolo forse non ha colto, ma vuol dire che appena ripasso dalle sue parti mi troverà di nuovo a bussare alla sua tabaccheria sure.gif




Figurati caro Gianluca, la mia tabaccheria è aperta a tutti figurati se non lo è soprattutto per gli amici!
Se poi con questo intendi dire che avresti piacere ad assistere a un'altra proiezione in dissolvenza ti anticipo fin d'ora l'invito ... anche se tu, chiaramente, non ne hai alcun bisogno!

Un caro saluto,
Paolo.

#6 paolo1960

paolo1960

    CCI Premium Advanced Member 7

  • Molise
  • 21212 messaggi
  • Time Online: 22d 7h 6m 33s

Inviato 23 maggio 2012 - 12:58

CITAZIONE (SEVENTH SON @ May 23 2012, 02:37 AM) <{POST_SNAPBACK}>
GRAZIE PAOLO ! ! ! clap.gif clap.gif

come sempre preciso e sempre disponibile az.gif


e un grazie a Gianluca per la testimonianza live di tale evento

visto l'orario ci aggiorniamo tra qualche ora biggrin.gif

saluti.gif




Non c'è di che caro Edi, e ovviamente resta inteso l'invito rivolto anche a te, qualora chiaramente ti trovassi a passare dalle mie parti.

Ciao, Paolo.

#7 paolo1960

paolo1960

    CCI Premium Advanced Member 7

  • Molise
  • 21212 messaggi
  • Time Online: 22d 7h 6m 33s

Inviato 23 maggio 2012 - 12:59

CITAZIONE (francesco.mr @ May 23 2012, 12:34 PM) <{POST_SNAPBACK}>
Come sempre, Paolo esaustivo, chiaro, convincente! clap.gif

Avendo avuto io pure la fortuna di assistere a una di lui proiezione, non posso che confermare l'efficacia e la forza dell'esperienza.
Sottolineando però, come mi pare già abbia fatto Gianlica (e fosse poi insito nell'intervento di Paolo), che al di la del mezzo, dello strumento, il risultato eccellente è prima di tutto fatto di scatti, di immagini, nonchè della capacità di selezionarle e metterle assieme. E qui, l'applasuso a Paolo si conferma.
Per la musica, anch'io nella circostanza non ne ho sentito la mancanza, tuttavia credo che per un'esperienza sensoriale completa, possa giovare, avendo anche qui accuratezza nelle scelte, proprio e soprattutto per avere un accompagnamento che riesca ad essere una sottolineatura alle immagini, senza però diventare elemento di distrazione.

Insomma, Edi..... hai da lavorare! biggrin.gif

saluti.gif
Francesco




E come sempre tu, carissimo Francesco, sei fin troppo gentile!

Ti abbraccio
Paolo.

#8 SEVENTH SON

SEVENTH SON

    CCI Premium Advanced Member 4

  • Friuli-Venezia-Giulia
  • 4975 messaggi
  • Time Online: 11d 23h 38m 33s

Inviato 24 maggio 2012 - 17:47

eccoci ! ! !

anche Francesco testimonial della dissolvenza biggrin.gif


Caro Paolo altra piccola richiesta come si dispongono i due proiettori dinnanzi alla tela.......


ps : per puro caso ho trovato questo sito CAD - CLUB AMANTI DIAPOSITIVA....... c'è anche..........il nostro Paolo

Messaggio modificato da SEVENTH SON, 24 maggio 2012 - 17:47


#9 paolo1960

paolo1960

    CCI Premium Advanced Member 7

  • Molise
  • 21212 messaggi
  • Time Online: 22d 7h 6m 33s

Inviato 24 maggio 2012 - 20:14

CITAZIONE (SEVENTH SON @ May 24 2012, 06:47 PM) <{POST_SNAPBACK}>
eccoci ! ! !

anche Francesco testimonial della dissolvenza biggrin.gif


Caro Paolo altra piccola richiesta come si dispongono i due proiettori dinnanzi alla tela.......


ps : per puro caso ho trovato questo sito CAD - CLUB AMANTI DIAPOSITIVA....... c'è anche..........il nostro Paolo




Ciao Edi,
come si dispongono i due proiettori dici?
E' molto semplice: o si dispongono uno di fianco all'altro oppure, ed è così che li dispongo io, uno sull'altro!
Ovviamente i due proiettori NON li puoi piazzare direttamente uno sull'altro, all'atto pratico bisogna disporre di un supporto "dedicato" che in buona sostanza altro non è se non un supporto a piano doppio fatto apposta per la bisogna.
Ne esistono di appositi ovviamente, e io ero intenzionato ad acquistarne uno, poi però ho visto i prezzi, ce n'era uno Leica che sostava uno sproposito ... se non erro qualcosa più di 300 euro, al chè ho pensato bene di autocostruirmelo.
In verità non l'ho proprio costruito io, ho pensato bene di affidare il compito a mio fratello che si diletta di "bricolage", io in pratica mi sono limitato a progettarlo su misura per i miei Ektapro e mio fratello l'ha realizzato, peraltro smontabile (a differenza di quelli esistenti in commercio che invece sono fissi) così come l'avevo pensato io, ed è riuscito talmente bene che la prima volta che ho proposto agli amici una proiezione in dissolvenza sono andati quasi più complimenti a mio fratello (per come ha realizzato il supporto appunto) che non a me per come avevo realizzato la dissolvenza!

A proposito, io preferisco posizionare i due proiettori uno sull'altro, invece che uno di fianco all'altro, semplicemente perchè in questo modo i due obiettivi distano fra loro solo di venti centimetri, invece di oltre trenta, il che evidentemente si traduce in una minore inclinazione che i due proiettori devono avere per far si che le immagini si sovrappongano, la qual cosa a sua volta, ovviamente, si traduce in meno distorsioni con cui dover fare i conti dal momento che non dispongo ancora degli specifici obiettivi decentrabili da proiezione.
In realtà sono sempre più intenzionato a procurarmene una coppia, ma non li ho ancora acquistati solo perchè potendo preferisco non dover rinunciare all'eccellenza dei miei due Leica SuperColorplan 90/2,5 ... quantomeno finchè è possibile chiaramente!

Per quanto invece riguarda il CAD (Club Amanti Diapositiva) che è nato da una bella idea dell'ottimo Rolando Mannucci, ebbene si ... incidentalmente sono presente anche lì.

Ciao, Paolo.

Messaggio modificato da paolo1960, 24 maggio 2012 - 20:17


#10 SEVENTH SON

SEVENTH SON

    CCI Premium Advanced Member 4

  • Friuli-Venezia-Giulia
  • 4975 messaggi
  • Time Online: 11d 23h 38m 33s

Inviato 26 maggio 2012 - 21:30

Molto bene Paolo biggrin.gif

grazie per le dritte prima o poi un salto in quel di Termoli è d'obbligo per assistere alla tua collaudata proiezione , già che ci siamo che tipo di telo impieghi per visualizzare le tue diapositive


per quanto riguarda il mobiletto è già un pò che ci penso per autocostruirmelo e grazie alle tue informazioni so come disporre il secondo proiettore , per ora ho un kindermann 2500 afs - ir 250W

#11 paolo1960

paolo1960

    CCI Premium Advanced Member 7

  • Molise
  • 21212 messaggi
  • Time Online: 22d 7h 6m 33s

Inviato 26 maggio 2012 - 22:17

CITAZIONE (SEVENTH SON @ May 26 2012, 10:30 PM) <{POST_SNAPBACK}>
Molto bene Paolo biggrin.gif

grazie per le dritte prima o poi un salto in quel di Termoli è d'obbligo per assistere alla tua collaudata proiezione , già che ci siamo che tipo di telo impieghi per visualizzare le tue diapositive


per quanto riguarda il mobiletto è già un pò che ci penso per autocostruirmelo e grazie alle tue informazioni so come disporre il secondo proiettore , per ora ho un kindermann 2500 afs - ir 250W




Ciao Edi,
ovviamente è del tutto inutile specificare che sei liberissimo di venire quando vuoi!
Per il telo invece c'è poco da dire, è un comunissimo schermo perlinato (se non ricordo male) 180x180 cm, e ovviamente sarebbe preferibile uno più grande, direi che uno schermo di circa 2,5 metri per lato sarebbe ideale.
Chiaramente va bene anche un comunissimo muro bianco opaco, che è poi la soluzione che adotto quando proietto a casa mia e che oltretutto garantisce una assoluta planeità unita alla massima libertà operativa (oltretutto non deve essere piegato nè riposto ed è sempre disponibile), mentre il telo lo riservo alle serate mensili al circolo dove dispongo della spazio per piazzarlo e riporlo.

Per quanto riguarda il proiettore invece devo dire che conosco i Kindermann, sono oggetti che godono di discreta fama, e il tuo inoltre dispone anche di una lampada da 250 watt, il punto però è che non sono sicuro che lo stesso disponga dei necessari contatti per la dissolvenza.

Ciao, Paolo.

#12 cippolippino

cippolippino

    CCI Premium Advanced Member 2

  • Inattivo
  • 1750 messaggi
  • Time Online: 4h 46m 33s

Inviato 28 maggio 2012 - 20:03

io avevo questo ....


rollei twin con 2 ottiche Apogon ..... dicevano che la qualità non non fosse pari al colorplan leitz (made in germany, non in portugal!) ... ma era più che soddisfacente.
Si poteva anche sincronizzare la proiezione con una base musicale ... veniva inciso un suono oltre la gamma dell'udibile che comandava le dissolvenze del proiettore......
gran bell'appareccchio..... wink.gif

#13 paolo1960

paolo1960

    CCI Premium Advanced Member 7

  • Molise
  • 21212 messaggi
  • Time Online: 22d 7h 6m 33s

Inviato 28 maggio 2012 - 20:22

CITAZIONE (goofy @ May 28 2012, 08:33 PM) <{POST_SNAPBACK}>
Caro Paolo,

grazie anche da parte mia per il tuo post, che solletica l'immaginazione e fa venir voglia di sperimentare questa tecnica!
Mi chiedo una cosa: il materiale che serve per una proiezione ben riuscita va progettato ad hoc? Hai in mente il risultato finale che ti aspetti dalla proiezione quando scatti, in modo da raccogliere le immagini "giuste", oppure è un lavoro che fai ex post, sulla base degli scatti che ti ritrovi in mano?
Mi viene da pensare che il progetto vada costruito prima, come si fa con le sceneggiature, in modo da "montare" poi immagini e dissolvenze in modo da realizzare l'effetto voluto.
Comunque sia, purtroppo non ho mai assistito ad una proiezione di questo tipo. Peccato tu abiti (per me) così lontano, sarei proprio curioso di vedere i tuoi lavori.

ciao
damiano




Ciao Damiano,
a onore del vero non credo che esista una regola precisa, certo che preparare all'origine una serie di immagini specificamente pensate per accoppiarsi in una dissolvenza pensata "ad hoc" sia un lavoro quantomeno improbo, perchè si tratterebbe di scattare una serie di fotografie perfettamente pensate per questo e quindi, necessariamente, non potrebbe che trattarsi di un numero assai limitato di forografie, non saprei dire quante, forse trenta o la massimo quaranta diapositive perchè pensarne una che ne comprenda 100 (se si tratta di caricatori lineari) o addirittura, come nel mio caso, 160 (perchè come sai adopero proiettori Kodak con caricatori da 80 dia l'uno) risulterebbe un lavoro davvero massacrante.

La questione secondo me và vista in maniera diversa: presupponendo di disporre, ovviamente, di un robusto archivio nel quale pescare il materiale all'uopo occorrente, come nel mio caso insomma, si può tranquillissimamente trovare le diapositive in maniera abbastanza facile e celere, in pratica ti basta avere le idee chiare su ciò che si vuole realizzare, altrimenti si può pensare di mettere insieme diapositive già in archivio unite ad altre realizzate appositamente; ma secondo me la cosa più importante è avere un proprio "modus fotografandi" ben preciso e rodato nel tempo, in questo modo, avendo cioè un archivio fotografico ben definito in termini di costanza di inquadrature, composizioni, illuminazioni, giochi e contrasti sia cromatici che di luce vera e propria, diventa molto meno difficile trovare il materiale che occorre ... ripeto: bisogna avere innanzitutto le idee chiare sul cosa si vuol realizzare ... e un archivio omogeneo nel quale pescare tutte quelle fotografie che si presuppone possano servire allo scopo anche perchè, te lo assicuro, la cosa che dà maggiore soddisfazione è il riuscire a mettere insieme diapositive scattate in anni anche molto distanti fra loro, e su argomenti molto diversi quando non addirittuta antitetici, e scoprire che nonostante tutto esse, come d'incanto, si incastrano alla perfezione!
Beh, ti assicuro che questa è davvero un bella soddisfazione perchè ti porta a concludere che ormai fotografi a memoria, o quasi ... insomma sei finalmente giunto ad avere un tuo stile fotografico personale, una tua specifica maniera di vedere e intendere la fotografia ... quello appunto che io sono solito definire "modus fotografandi" ... in definitiva si tratta di riuscire a stabilire un proprio (personale) modo sia di fotografare che di rapportarsi ai propri soggetti fotografici.

Alla fine non è nemmeno tanto difficile, basta sapere quello che si vuole insomma e sapere come realizzarlo ... alla fine si tratta solo di avere un minimo di esperienza e se possibile anche di buon gusto.
Il resto, te lo assicuro, viene letteralmente da sè.

Comunque, caro Damiano, alla prima occasione utile pensa di dedicare una settimana delle tue ferie a un viaggetto dalle mie parti, potresti progettare un qualche giorno da trascorrere alle Isole Tremiti per esempio, e con questa scusa capiti tranquillamente a Termoli, perchè il traghetto devi necessariamente prenderlo qui, dopo di che ti basterà giungere qui nel pomeriggio, fissare una stanza per il pernottamento, e dopo aver preparato tutto passi per la mia tabaccheria - così finalmente ci si conosce di persona - e poi la sera la proiezione la attrezziamo in quattro e quattr'otto anzi ... te la faccio trovare già pronta!

Ciao, Paolo.

Messaggio modificato da paolo1960, 28 maggio 2012 - 20:29


#14 paolo1960

paolo1960

    CCI Premium Advanced Member 7

  • Molise
  • 21212 messaggi
  • Time Online: 22d 7h 6m 33s

Inviato 02 giugno 2012 - 07:07

CITAZIONE (goofy @ Jun 2 2012, 12:03 AM) <{POST_SNAPBACK}>
Caro Paolo,
grazie davvero della risposta e dei suggerimenti! Mi hai fatto venir voglia di provare a costruire qualcosa del genere con le mie diapositive vecchie e nuove; quella di abbinare scatti diversi fatti in momenti diversi è una possibilità creativa a cui non avevo mai pensato.
Per quanto riguarda la vacanza alle Tremiti, che purtroppo non ho mai visto, c'è il rischio che riesca a metterla in piedi davvero! Sarebbe un vero piacere conoscerti di persona. Vediamo se sono capace di mettere un po' di ordine al lavoro e di ritagliarmi finalmente qualche giorno libero nei prossimi mesi...
Grazie ancora dei suggerimenti e della cortesia.
Ciao,
Damiano




Di niente caro Damiano, figurati!

Ciao, Paolo.


 

Ti va di esprimere la tua opinione su questo argomento?

E' più semplice di quanto credi! Basterà accedere con il tuo attuale account social cliccando qui e in pochi secondi potrai interagire con il nostro forum, pubblicare le tue fotografie, ricevere i commenti dagli utenti e dal nostro staff commentatori, il tutto in un ambiente cordiale e accogliente.

Ma sopratutto qui è tutto gratis, l'accesso è libero e aperto a tutti, qualunque brand tu possegga. Abbiamo 190.000 iscritti che aspettano di vedere le tue bellissime fotografie. Dai!!

 

 

 

Aspetta, non andare via!! Ci sono altri contenuti del forum che potrebbero interessarti, guarda qui sotto:




NON ANDARE VIA... Abbiamo trovato altri Contenuti simili a questo, guarda sotto: Collapse

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi



WUAOO.IT

Il Canon Club Italia è parte integrante dell'Associazione Nazionale Domiad Photo Network, Associazione di tipo NO-PROFIT, Cod.Fisc. 97034510780, scarica qui il nostro Statuto (clicca).