Canon EOS R Mirrorless Full Frame: finalmente!!

La novità di cui si è “rumoreggiato” negli ultimi tempi è finalmente stata “ufficializzata” nella mattinata del 5 settembre in contemporanea mondiale in tutti i continenti.

Noi di Canon Club Italia, su invito di Canon Italia abbiamo presenziato alla presentazione della nuova Mirroless Full Frame Canon EOS R durante Visa Pour L’Image a Perpignan e possiamo quindi raccontarvi le nostre prime impressioni e il modo con cui questa macchina è stata accolta dalla nostra community fotografica.

Yuichi Ishizuka, Presidente e CEO di Canon Europa, Medio Oriente e Africa, ha commentato: “Quando abbiamo lanciato il sistema EOS 30 anni fa, abbiamo inviato un chiaro messaggio: – il futuro della fotografia è arrivato -. Ora più che mai confermiamo il nostro impegno attraverso uno dei sistemi di imaging più iconici al mondo. Canon continuerà a investire nell’impareggiabile mondo EOS con fotocamere, obiettivi e accessori che fissano nuovi traguardi in termini di qualità dell’immagine, eccellenza ottica e prestazioni. Facciamo tutto questo pensando alle esigenze in continua evoluzione dei nostri clienti. ”

Le prime impressioni sono tutte positive, la macchina ha tutte le caratteristiche in regola per essere davvero una grande compagna nei nostri “viaggi fotografici” in giro per il mondo o anche a pochi passi da casa. Sarà davvero difficile farne a meno una  volta provata. Abbiamo personalmente testato, anche se per poco tempo, la macchina con il nuovissimo obiettivo RF 50mm f/1,2 USM, che gode di una ampia apertura e di un diframma a 10 lamelle, adattandosi perfettamente ai ritratti e in presenza di pochissima luce, di seguito potete scaricare qualche nostro scatto per poter valutare voi stessi la grande resa.

La prima cosa che salta all’occhio è la nuova baionetta RF per gli obiettivi. Correva l’anno 1987 quando Canon introdusse l’innesto EF che ancora oggi viene utilizzato nelle reflex Canon, a dimostrazione che ogni progetto viene realizzato con un occhio rivolto al futuro, facile aspettarsi quindi lunga vita per almeno altri 30 anni, come nel caso dell’innesto EF, per il nuovissimo innesto RF, non per niente il motto durante la presentazione è stato “Capture The Future“.

Nessun problema di compatibilità per chi è in possesso di ottiche EF/EF-S che viene garantita da ben tre anelli adattatori disponibili sin da subito, il principale dei quali offerto in omaggio fino a Dicembre 2018 per tutti coloro che acquisteranno la macchina entro tale data. Quali sono le pecurialità di questa nuova baionetta? Dovendo pensare al futuro e alla longevità sono stati previsti 12 pin per la comunicazione tra corpo macchina e ottica e Canon garantisce che la velocità di comunicazione è aumentata di almeno 40 volte rispetto alla precedente baionetta. Ha un diametro di 54mm e un tiraggio di 20mm, quasi la metà di una comune reflex Canon. L’idea è quella di aumentare la capacità elaborativa e comunicativa tra l’ottica e la circuteria a bordo della macchina, grazie anche al nuovo processore Digic 8, prevedendo per il futuro anche scenari che prevedano l’utilizzo dell’intelligenza artificiale.

 

Grande novità assoluta è l’introduzione di un anello adattatore che permette di inserire filtri personalizzati al suo interno, cosa che permetterà ai “creativi” di sbizzarrirsi davvero, evitando quindi di dover acquistare filtri a parte da montare sull’ottica con una perdita anche seppur minima di dettaglio.

Una volta accesa la macchina e appoggiato l’occhio sul nuovissimo mirino ottico rimaniamo davvero sbalorditi dalla qualità visiva e dalla definizione di questo OLED da quasi 4 Megapixel, al punto che è davvero difficile notare la differenza tra un mirino ottico standard per qualità visiva e velocità di refresh, per la copertura del 100% dell’inquadratura. Possiamo parlare davvero di realtà aumentata, avendo quindi anche tutte le informazioni a “portata di occhio”. Si ha l’impressione di immergersi nella scena e questo consente ovviamente di facilitare tutte le operazioni di composizione e scatto.

Ma Canon non ha certo dimenticato anche il display Touch Screen che offre una manovrabilità pressocchè totale: totalmene snodato, può muoversi fino a 180 gradi in orizzontale e verticale, possibilità di richiuderlo totalmente verso l’interno per evitare che possa danneggiarsi o graffiarsi durante il normale utilizzo.

La qualità è davvero eccellente, colori nitidi e realistici, non ci si poteva aspettare di meglio sotto questo punto di vista.

Altra novità è stata l’introduzione, al posto della classica rotellina accando al display, di una piccola touch bar a cui assegnare funzioni specifiche e personalizzate, per non distogliere mai lo sguardo durante la fase di scatto.

Quello che ci ha colpito maggiormente sulle nuove ottiche a corredo è la presenza, oltre alle due classiche ghiere, di una terza ghiera simile a quelle presenti per esempio nelle Canon G1x Mark II e III totalmente programmabile e personalizzabile, che unita alla touch bar apre a nuovi scenari creativi e compositivi.

Ci rendiamo subito conto di essere davanti a una serie di accorgimenti che non potranno far altro che rendere felice l’utilizzatore. Molti hanno scritto che sembra una Canon EOS 5D mark IV in miniatura per caratteristiche e peculiarità, possiamo dire che può essere di più o anche di meno, dipende sotto che punto di vista vogliamo paragonarle e che utlizzo vogliamo farne. Di certo l’intenzione di Canon non era quella di mettere le due macchine, appartenenti a due mondi e sistemi diversi, a diretto confronto/concorrenza. Entrambe nascono per un determinato utilizzo ed entrambe sono state pensate e progettate per venire incontro alle esigenze di ogni tipologia di fotografo, dal fotoamatore evoluto al professionista, ascoltando e facendo tesoro dei feedback che Canon riceve quotidianamente dai propri appassionati e possessori di materiale fotografico Canon.

Il sensore è da 30 Mega Pixel e la messa a fuoco utilizza il dual pixel CMOS autofocus ulteriormente migliorato e perfezionato. Offre intorno a 6.000 posizioni di messa a fuoco e arriva addirittura fino a -6EV. Stiamo parlando quindi di buio quasi completo. In questo sistema tutti i pixel del sensore rilevano anche la differenza di fase per la messa a fuoco, oltre a registrare la luce. I sistemi ibridi invece hanno pixel per il rilevamento di fase mischiati ai pixel per la registrazione dell’immagine (come il sistema della prima Canon Eos M). Quello che ci la lasciato sbalorditi è la reattività di questo sistema che si attesta a 0,05 secondi, la più veloce al mondo tra le ML attualmente presenti sul mercato, nonchè la capacità di focheggiare fino a F11 anche in presenza di illuminazione quasi assente, altro punto notevolmente a favore della EOS R.

La stabilizzazione è affidata al nuovo sitema Dual Sensing IS, integrato sull’obiettivo, ricordando che il sensore non è dotato di stabilizzazione nativa, arrivando a garantire una stabilizzazione fino a 5 stop su ben 5 assi, davvero niente male.

La velocità di scatto continuo si attesta fino a 8 fps (AF fisso) e 5 fps con messa a fuoco continua, a cui si aggiunge la possibilità di scattate in totale silenzio, per rimanere il più discreti possibili per esempio durante attività che lo rendono necessario. Ci rendiamo conto di aver scattato grazie alla generazione di una cornice bianca intorno al campo visivo durante lo scatto.

Ha una autonomia dichiarata di circa 300 scatti, anche se gli ambassador Canon che l’hanno provata hanno affermato di essere arrivati senza problemi a circa 600 scatti. Ma per non compromettere l’autonomia di questa macchina Canon ha pensato anche al battery grip BG-E22 che consente di utilizzare due batterie ad alta capacità LP-E6N agli ioni di litio ricaricabili tramite l’adattatore USB.

Si comporta molto bene anche in ambito video con la possibilità di riprese in 4K alla cadenza di 30 frame al secondo con un crop di 1,35 sul sensore, utilizzando il Canon LOG da ben 12 stop alla sensibilità di 400ISO, nonchè l’introduzione della possibilità di poter registrare esternamente in 4K utilizzando 10bit e internamente sulla SD a 8bit, cosa che farà davvero felice anche  chi utilizza la macchina in ambito video, ricordando che sono altresì integrate altre tecnologie derivate direttamente dal sistema Canon Cinema EOS, sistema leader in questo settore in ambito mondiale.

E’ dotata di un solo slot per SD ultraveloci, cosa che ha fatto storcere il naso a qualcuno, ma niente paura,tramite l’app appositamente studiata per questa macchina sarà possibile salvare in tempo reale e in maniera del tutto automatizzata le foto scattate sul vostro dispositivo mobile per avere sempre a portata di mano una copia di backup delle vostre foto. La scelta di utilizzare un singolo slot è stata ponderata e valutata da Canon ascoltando, come sua consuetudine, i feedback dei propri clienti.

Voglio ricordare una peculiarità non di poco conto, quando dobbiamo cambiare ottica le tendine della fotocamera rimangono chiuse, per impedire che arrivi polvere o altro sul sensore quando cambiate ottica. Unica accortezza è quella di ricordarsi di spegnere la macchina prima di cambiare ottica per attivare questa utilissima funzionalità. Una genialatà, non c’è che dire, i nostri complimenti ai progettisti che hanno pensato a ogni particolare.

Per quanto riguarda il parco ottiche di troviamo davanti a una scelta davvero completa, ottiche di pregio, molto luminose e subito disponibili, come il RF 50mm f/1,2 USM provato personalmente, l’RF 28-70mm f/2L USM zoom luminosissimo e davvero spettacolare, il tuttofare RF 24-105mm f/4L IS UMS e il classico EOS R il RF 35mm f/1,8 IS MACRO STM.

 

Non mancano ovviamene a completare il già ricco parco ottiche un 400mm F/2.8 e un 600mm F/4 in mano al nostro carissimo amico Filippo La Placa:

 

 Qui di seguito vi mostriamo alcuni scatti eseguiti con la EOS R e l’obiettivo da 50mm:

 

Qui le foto zippate in formato CR3 che potrete scaricare per valutare personalmente la qualità:  CR3 FILES

 

Qui il Live della conferenza stampa a cui abbiamo partecipato il 5 settembre 2018 a Perpignan in Francia in occasione della 30° Edizione della Mostra Internazionale di Fotogiornalismo Visa Pour l’Image:

 

Vi proponiamo anche dei video da non perdere sulla valutazione di questa nuova macchina targata Canon:

Per quanto riguarda tutto quanto non specificato e approfondito in questa recensione vi rimandiamo ai comunicati ufficiali qui:

Buona luce e vi aspettiamo con i vostri scatti eseguiti con la EOS R sul nostro forum e sul relativo gruppo Facebook Canon Club Italia.

LASCIA UN COMMENTO O UNA OPINIONE SUL FORUM (CLICCA)

😉

 

fcwebstore